| Martedì, 17 Settembre 2019 |
Written by 

COME FUNZIONA LA DEPOLVERAZIONE? Di che si tratta?

COME FUNZIONA LA DEPOLVERAZIONE? Di che si tratta? COME FUNZIONA LA DEPOLVERAZIONE? Di che si tratta?

Quando parliamo di impianti di aspirazione e filtrazione delle polveri, non tutti sanno cosa intendiamo nel dettaglio.

Nell’articolo di oggi affronteremo questi argomenti, parleremo di quali tipologie esistono e di come funzionano.

Nei cicli di produzione standard, a prescindere dal prodotto finale che si vuole realizzare, è consueto che si crei della polvere pur tentando di evitarlo in ogni modo. Basti pensare di avere a che fare con lavorazioni di pietre e marmi per l’edilizia, oppure lavorazioni di falegnameria e/o meccaniche; tutte attività abbastanza note per il fatto di rilasciare nell’ambiente alcune particelle in piccole o grandi quantità molto fastidiose per gli operatori e per i dipendenti di queste aree.

Esistono diversi strumenti per evitare di riempire di polvere le aree di produzione:

  • Cappe di aspirazione, fisse o mobili, provviste di bracci articolati di aspirazione posizionati nei punti sensibili, al fine di captare e convogliare verso un adeguato impianto depolveratore il flusso d'aria polverosa, preservando così la salubrità dei posti di lavoro;
  • Una volta che le polveri sono state aspirate, onde evitare di danneggiare l'ambiente, è possibile installare diversi sistemi che permettono di separarle dal flusso d'aria ed eventualmente di recuperarle in seguito per riutilizzarle e/o per rivenderle come prodotto di scarto a qualcuno per il quale possono essere invece fonte primaria di lavoro.

Ad oggi sono molte le tecnologie di depolverazione e filtrazione polveri che consentono di aumentare la qualità sul posto di lavoro e la sicurezza:

  • Cicloni separatori (basati sulla forza centrifuga)
  • Multicicloni (stesso sistema di funzionamento dei cicloni ma in più parti unite e collegate tra loro)
  • Filtri a maniche o filtri a cartucce (trattengono le cellule inquinanti)
  • Filtri a celle e tasche (con mezzo filtranti tra la zona sporca e quella pulita)
  • Elettrofiltri (sfruttano gli elettrodi per catturare le particelle inquinanti)
  • Scrubber venturi (depurazione ad umido)

Seguici per maggiori informazioni nel dettaglio e contattaci per qualsiasi necessità! Ti aiuteremo a giungere alla soluzione migliore per te e per la tua azienda!